Newsletter

Previeni il diabete a tavola con la giusta alimentazione!

Previeni il diabete a tavola con la giusta alimentazione!

SONO OLTRE 3 MILIONI GLI ITALIANI COLPITI, SOTTO ACCUSA ANCHE GLI STILI DI VITA. CONSUMARE RISO INTEGRALE GERMOGLIATO RIDUCE DEL 16% IL RISCHIO DI MALATTIA

Oltre 3 milioni di italiani sono affetti dal diabete e il loro numero è più che raddoppiato negli ultimi 25 anni. La malattia è caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue e la sua forma più diffusa è quella di tipo 2 che rappresenta da sola circa il 90% dei casi. In genere si manifesta dopo i 30-40 anni e si tratta di una patologia strettamente collegata all’eccesso di peso. Si parla infatti di diabesità (diabete più obesità) e oggi rappresenta una vera epidemia nei Paesi occidentali. Secondo le previsioni degli esperti entro il 2040 le persone colpite in tutto il mondo diventeranno 640 milioni. E’ comunque possibile tenere alla larga il diabete, e i chili di troppo, adottando stili di vita sani soprattutto a tavola. Una dieta bilanciata deve soddisfare il fabbisogno giornaliero di determinati nutrienti e microelementi, necessari per la salute. Il modo più semplice per garantire al corpo le sostanze adeguate è variare il più possibile ciò che mangiamo.
Un cibo che ha dimostrato di diminuire il diabete di tipo 2 è il riso integrale che deve essere preferito a quello bianco classico. Secondo uno studio condotto dalla statunitense Harvard School of Public Health (HSPH) sostituire 50 grammi della porzione di riso raffinato con altrettanto riso integrale riduce del 16% il rischio di malattia. Durante il processo di raffinazione infatti vanno perse molte importanti sostanze nutritive (vitamine, minerali e fibre) che sono importantissime per la prevenzione del diabete. E’ possibile invece consumare riso integrale germogliato con acqua di sorgente. Analisi di laboratorio hanno confermato la presenza di vitali, preziosi ed equilibrati nutrienti che non vengono dispersi durante il processo di lavorazione. Esistono piatti pronti, panini, bevande al latte e surrogati di formaggi prodotti con riso integrale germogliato. Sono di facile consumo e possono fornire tutti i benefici che questo cereale apporta alla nostra salute.

COME LEGGERE LE ETICHETTE

Ecco cosa sono le indicazioni nutrizionali

Anche gli alimenti hanno le loro “carte d’identità”: le etichette. Oltre a fornire al consumatore informazioni necessarie relative al prodotto commercializzato, può essere utilizzata dal produttore come mezzo per valorizzare i propri prodotti e dal consumatore per fare scelte più attente e in linea con le sue necessità. Il Regolamento (CE) 1924/2006 armonizza i “claims”, ossia le indicazioni nutrizionali e sulla salute volte ad informare il consumatore su alcune caratteristiche salutistiche e/o nutrizionali presenti nel prodotto medesimo.

L’indicazione (claim) nutrizionale è qualunque indicazione che affermi, suggerisca o sottintenda che un alimento abbia particolari proprietà nutrizionali benefiche, dovute:

  • all’energia (valore calorico) che apporta, apporta a tasso ridotto o accresciuto o non apporta
  • alle sostanze nutritive o di altro tipo che contiene, contiene in proporzioni ridotte o accresciute o non contiene

Indicazioni quali “basso tenore di grassi”, “elevato contenuto di fibre” e altre espressioni simili sono indicazioni nutrizionali generiche, che devono essere conformi a definizioni armonizzate, in modo che abbiano lo stesso significato in tutti i paesi dell’Unione Europea; ad esempio, “elevato contenuto di fibre” si può usare soltanto per prodotti che contengano almeno 6 g di fibre per 100 g di prodotto.

Per maggiori informazioni visita www.salute.gov.it

Gli italiani sembrano ignorare le buone norme per una nutrizione corretta ed equilibrata. Il 31%, quando compra un prodotto alimentare, non legge l’etichetta per conoscere gli ingredienti. Il 62% invece ammette di non conoscere nel dettaglio i componenti del cibo indicati e il 12% non controlla la scadenza. E’ quanto è emerso dal sondaggio on line Gli italiani e la corretta alimentazione realizzato su oltre 2.500 persone dal portale. Sulla nostra newsletter puoi trovare tante informazioni utili e certificate su dieta, nutrizione e prevenzione delle gravi malattie.

Ogni mercoledì e giovedì leggi i nostri consigli!

LO SAPEVI CHE

L'allenatore è spesso un maestro di salute?

Secondo un recente sondaggio il 36% dei teenager italiani chiede al proprio coach consigli su benessere e prevenzione.  Le domande più ricorrenti sono come smettere di fumare (34%), raccomandazioni per la dieta (35%), informazioni generali sul benessere (20%) e consigli per smaltire chili di troppo (12%). Per questo nei mesi scorsi la Fondazione Insieme contro il Cancro ha lanciato la campagna “Allenatore di Salute”, la prima al mondo per insegnare ai coach questo loro nuovo ruolo. “Siamo pronti a fare la nostra parte – afferma il mister Massimiliano Allegri -. Dobbiamo prendere coscienza del ruolo che ci viene attribuito dai giovani: dobbiamo rispondere a queste nuove esigenze documentandoci su temi quali il benessere e i corretti stili di vita. Non possiamo e non vogliamo assolutamente sostituirci ai medici ma è nostro dovere aiutare i ragazzi anche in queste aree. Sono orgoglioso ed entusiasta di essere ambasciatore del ministro, del CONI e delle società scientifiche in questo progetto”.

ATTVITA' FISICA

Braccia sempre toniche con gli esercizi fai da te

Rassodare le braccia è un argomento che sta a cuore a molte donne, spesso terrorizzate da sottobraccia flaccidi e cadenti. Sviluppare i muscoli è un ottimo metodo per tonificarle. Ecco alcuni esercizi fai da te.

  • Rassoda: fate piegamenti sulle braccia utilizzando una panca o uno step. Con le mani vicine ai glutei e i piedi a terra, sollevate il bacino mantenendo il peso del corpo sulle braccia e scendete con il bacino verso il pavimento, facendo attenzione a non allontanarvi troppo dalla panca
  • Riempi: questo esercizio ha un effetto “push up” sulla zona rilassata. Tenete il busto a 90 gradi e le gambe piegate, con il gomito vicino al fianco. Eseguite delle estensioni verso l’esterno sollevando un peso da 2 – 3 kg
  • Rinforza: flessioni! Su un tappetino, le mani in appoggio alla larghezza delle spalle e le ginocchia a terra, cercando di mantenere le gambe allineate al tronco, portate il petto vicino al pavimento mantenendo i gomiti vicino ai fianchi.