Newsletter

Crespelle di ceci con asparagi e Slices gusto Cheddar

Crespelle di ceci con asparagi e Slices gusto Cheddar

SCOPRI LE NOSTRE RICETTE SEMPLICI E VELOCI PIATTI GUSTOSI E SALUTARI

Ecco per voi un altro piatto, completamente gluten free, realizzato dal blog Malquadrato.

2 confezioni di slices gusto Cheddar Verys

Per le crepes di ceci:
200 gr di farina di ceci
300 ml di acqua a temperatura ambiente
un pizzico di sale
Per la crema agli asparagi:
1 mazzo di asparagi (500 gr)
250 ml di panna da cucina vegetale
1 cucchiaino di dado vegetale
2 gr di xantano

Procedimento:
Preparare la pastella per le crepes: unire in una ciotola la farina, il sale e l’acqua e mescolare bene con una frusta per eliminare tutti i grumi. Coprire la ciotola con la pellicola e lasciar riposare per 30 minuti circa la pastella. Nel frattempo lavare e pulire gli asparagi, tagliarli a rondelle e farli cuocere in padella con un dito d’acqua per 15-20 minuti, o comunque sino a quando non si saranno ammorbiditi. Eliminare eventuale acqua rimasta. Preparare la crema di asparagi frullandoli insieme alla panna di riso ed al dado vegetale. Versare la crema in una ciotola, aggiungere lo xantano e mescolare bene in modo che la gomma si sciolga per bene ed agisca come addensante. Trascorsi 30 minuti, ungere con olio evo una padella antiaderente e scaldarla bene. Versare un mestolo di pastella e stenderla velocemente con l’apposito strumento per fare le crepes (se non lo avete, ruotate la padella per far espandere la pastella il più possibile). Far cuocere per un paio di minuti la crepe, quindi girarla e far cuocere per un paio di minuti anche dall’altro lato. Ripetere il procedimento con il resto dell’impasto. Prendere una pirofila e versare qualche cucchiaio di crema di asparagi sul fondo, spalmandola bene anche sui bordi per far sì che in cottura le crespelle non attacchino. Farcire ogni crepe con un paio di cucchiai di crema e mettervi al centro una slices di riso gusto cheddar Verys. Arrotolare le crepes e adagiarle nella pirofila una accanto all’altra. Ricoprire le crepes con la crema avanzata e, a piacere, con qualche slices al cheddar Verys.
Cuocere in forno statico a 200°C per 15-20 minuti.

I SEGRETI DEL BENESSERE

Stress problema quotidiano per 8 italiani su 10

Lavoro, problemi economici, tensioni in famiglia, difficoltà a scuola o all’università sono le principali cause dello stress che affligge gli italiani. Otto connazionali su dieci ammettono di soffrirlo tutti i giorni.

Ma che cosa è di preciso questo disturbo? Possiamo quindi definirlo come uno stato di tensione fisica e mentale che può insorgere come reazione all’incapacità o difficoltà di far fronte alle richieste della vita. In parole semplici è una risposta negativa che diamo quando un problema o un’attività quotidiana ci disturba. Solitamente si manifesta attraverso ansia, depressione, ipertensione e disturbi cardiovascolari. Lo stress inoltre non fa per niente bene alla fertilità perché ha un effetto negativo sul nostro sistema cerebrale ed ormonale sia della donna che dell’uomo. Riduce le possibilità di concepimento e infatti nel 30% delle coppie che non riescono ad avviare una gravidanza si registrano livelli elevati di stress.

Ma attenzione perché non tutto lo stress vien per nuocere! Esiste infatti anche quello positivo che si chiama eustress. Le persone reagiscono allo stress adattandosi ai cambiamenti improvvisi nell’ambiente. Questa capacità di adattamento è fondamentale per la sopravvivenza in quanto l’organismo si organizza per ripristinare un equilibrio psicobiologico. In questo caso si parla di stress positivo. Quando invece la reazione di stress è troppo intensa o lo stimolo negativo è eccessivamente prolungato, l’organismo non riesce più a ristabilire l’equilibrio normale per cui le variazioni sopra descritte tendono a diventare più stabili. In questo caso si parla di stress cronico. Quindi lo stress positivo non fa male, purché si abbia il tempo giusto per recuperare, mentre lo stress cronico sì, perché potrà trasformarsi in disturbi di ansia.

Per quanto riguarda la dieta consumare regolarmente frutta e verdura può essere un efficace e potente anti-stress che funziona soprattutto per le donne. E’ quanto hanno scoperto dei ricercatori australiani dell’Università di Sidney. Gli scienziati hanno preso in esame 60mila australiani, di un’età media di 45 anni, analizzando i dati relativi al consumo di frutta e verdura e quelli invece sulla sofferenza dal punto di vista psicologico in due momenti diversi: nel biennio 2006-2008 e poi successivamente nel 2010. Dai risultati dello studio è emerso che in generale chi mangiava tra le cinque e le sette porzioni al giorno di frutta e verdura aveva un rischio di stress più basso del 14%. Nelle donne questo dato raggiungeva il 23%.

BELLEZZA SENZA RISCHI

Attenzione alle scarpe che porti!

“Chi bella vuole apparire un può deve soffrire” dice un proverbio. Va bene però presta sempre molta attenzione al tuo benessere. Per esempio: la scarpa è un compromesso tra l’esigenza di proteggere il piede e il desiderio di assecondare canoni estetici. Tuttavia, se quella ideale non esiste, si dovrebbe tentare almeno di evitare gli eccessi. Tra questi ci sono le calzature con il tacco vertiginoso, dannoso all’appoggio plantare, allo schema del passo e alla postura. La metatarsalgia è il primo effetto scatenato dalle scarpe con tacco alto, specie se la punta della calzatura è stretta. Si tratta di un’infiammazione dolorosa che colpisce l’avampiede sotto l’attaccatura delle dita. Non solo: il peso che grava sulle dita accelera la predisposizione individuale a sviluppare l’alluce valgo e le dita deformate a martello. Disturbi che suggeriscono di limitare l’uso degli stiletto a poche occasioni, nonché di scegliere con attenzione le calzature prima di acquistarle.

VERO O FALSO?

La demenza senile è un inevitabile aspetto della vecchiaia?

Diventare “diversamente giovani” e rimanere in salute è possibile. Basta iniziare prima possibile a seguire semplici regole. Innanzitutto, prevedere sempre nella dieta cibi ricchi di antiossidanti: frutta e verdura ne contengono in quantità. Moderare anche le porzioni, per evitare sovrappeso e obesità. No all’abuso di alcol e divieto assoluto di fumo. Via libera invece alla pratica fisica quotidiana. Con il movimento tutto l’organismo rimane efficiente e si prevengono anche incidenti domestici e cadute. Questi semplici consigli, però, devono essere seguiti fin da ragazzi. Essere sregolati a vent’anni porta infatti inevitabili conseguenze cardiovascolari una volta raggiunta la mezza età. Il 60% delle persone che non si è concesso (troppi) eccessi giovanili riporta un rischio decisamente minore di sviluppare patologie coronariche. Quindi, senza perdere altro tempo, è bene cominciare a darsi da fare…