Newsletter

Alimentazione, attenzione ai luoghi comuni!

Alimentazione, attenzione ai luoghi comuni!

SULLA DIETA ESISTONO DELLE LEGGENDE, SFATIAMONE ALCUNE...

Gli italiani hanno parecchi problemi con la bilancia. Più di un terzo della popolazione (il 36,2%) è in sovrappeso e una persona su dieci invece è obesa. Oltre alla scarsa attività fisica uno dei motivi di questo fenomeno è senza dubbio la scorretta alimentazione. Sulla dieta inoltre esistono molte leggende, ecco quattro tra le più diffuse:

  • Il sovrappeso è solo una questione estetica …FALSO! I chili di troppo aumentano le probabilità di alcune pericolose malattie (diabete mellito di tipo 2, ipertensione arteriosa, infarto del miocardio, insufficienza respiratoria, ipercolesterolemia, vasculopatie, ictus, varie tipologie di tumori).
  • Saltare i pasti …aiuta a dimagrire … NON E’ VERO! Bisogna invece consumare tre pasti al giorno principali (colazione, pranzo e cena) più due spuntini (a metà mattina e pomeriggio).
  • I carboidrati ingrassano …E’ FALSO! L’apporto giornaliero non dovrebbe mai scendere al di sotto del 55% della quota calorica complessiva (una donna adulta deve ingerire circa 1700/2000 calorie al giorno e un uomo 2000/2400).
  • L’allenamento stimola l’appetito … NON E’ VERO! Fortunatamente per chi desidera perdere peso, l’affermazione vera è quella opposta! Durante e dopo un’intensa sessione di allenamento, infatti, lo stimolo della fame viene meno. Basta provare per credere. Per questo motivo l’attività fisica aiuta a restare in forma, calma la fame e, importantissimo… aiuta a bruciare le calorie
I SEGRETI DELL'ALIMENTAZIONE

Ecco tutti i benefici dell'alga agar agar

Le alghe sono un prodotto sempre più utilizzato anche nelle nostre cucine. L’agar agar, per esempio, è un’alga rossa selvatica che viene raccolta nel Mar Mediterraneo. Si tratta di un prodotto naturale, sicuro e che viene usato da moltissimi anni soprattutto nei gelati o nelle marmellate di buona qualità.

La gelatina prodotta dall’agar agar è molto ricca di minerali, oligoelementi, calcio, ferro, e vitamine del gruppo A, B, C e K. Da recenti analisi sono state riscontrate anche delle proprietà lassative e depurative, in quanto contribuisce a favorie i processi di eliminazione delle tossine presenti nell’organismo umano. In più è dimostrato che non altera il gusto dei cibi. In giapponese, la terra in cui nasce, viene chiamata kanten ovvero “cielo freddo” proprio per rimandare alla neutralità del suo sapore e al suo colore lievemente tendente al grigio.

Quest’alga non ha alcun impatto calorico e viene assorbita solo in minima parte dal nostro corpo ed è anche naturalmente priva di glutine. In fitoterapia ne sono riconosciute le sue proprietà calmanti, dimagranti, antinfiammatorie e protettive a livello della mucosa gastrica e dell’inestino, in quanto ricopre con un sottile strato le mucose e le protegge da infiammazioni.

Proprio per la sua origine completamente vegetale e adoperata come addensante e gelificante in alternativa alla colla di pesce. Un cucchiaino di agar agar corrisponde, più o meno, a sei fogli di colla di pesce. E’ uno degli ingredienti dello Strachicco, un formaggio vegetale ottenuto dal riso integrale germogliato con acqua di sorgente. Si tratta di un alimento adatto a chiunque grandi e bambini (si può usare nelle pappette per mantecarle e per creare una piacevole nota saporita), a chi ha problemi di intolleranza (a latte, lattosio, glutine o alla soia). Infine, per la sua naturale consistenza morbida, è consigliato a chi ha problemi di masticazione.

LO SAPEVI CHE...

Il tumore della prostata può essere un "sorvegliato speciale"?

Il trattamento si chiama “sorveglianza attiva” e prevede di monitorare la malattia attraverso esami specifici e controlli periodici. “Nel nostro Paese ancora troppi uomini con un tumore alla prostata ricevono cure che possono avere severi effetti collaterali a carico della sfera sessuale, urinaria e rettale – afferma il prof. Riccardo Valdagni, presidente della Società Italiana di Urologia Oncologica (SIUrO) -. La sorveglianza attiva rappresenta una nuova opportunità. In alternativa ad essere sottoposto a una delle terapie radicali come chirurgia, radioterapia o brachiterapia il paziente con tumore indolente è sottoposto a esami e controlli periodici. Questa vale per tutta la vita o fino a quando la malattia non modifica le sue caratteristiche iniziali. Se la patologia cambia siamo in grado di interrompere il percorso osservazionale, intervenire tempestivamente e indirizzare il paziente al trattamento”.

PICCOLI FASTIDI

Gomito del tennista, curiamolo con impacchi freddi e riposo

Il gomito è una delle articolazioni del corpo meno interessata dalle patologie tipiche delle articolazioni, come l’artrosi, ma non è del tutto al riparo dai problemi. Il più frequente disturbo è l’epicondilite, detta anche gomito del tennista. Un disturbo che non colpisce solo gli sportivi ma tutte quelle persone che, per lavoro o per hobby, effettuano movimenti che comportano un uso prolungato del braccio e del polso. Le sollecitazioni generate dai movimenti possono determinare un’infiammazione dei tendini dei muscoli dell’avambraccio che si inseriscono nella parte esterna del gomito. Ne sono colpite maggiormente le persone tra i 30 e i 40 anni. Il trattamento deve essere il più rapido possibile con il riposo dell’articolazione e l’uso di impacchi freddi per aiutare il processo di riduzione dell’infiammazione. Il trattamento può essere completato con l’uso di farmaci antinfiammatori e anche con utilizzo di una particolare fascia elastica che viene posizionata sulla zona dolente e serve a ridurre l’azione dei muscoli estensori del polso e delle dita, responsabili del dolore.