Newsletter

Cipolla al forno con olio d'oliva, salsa di soia e Strachicco

Cipolla al forno con olio d'oliva, salsa di soia e Strachicco

IL BENESSERE PASSA ANCHE DA UNA DIETA SANA. SCOPRI LE NOSTRE RICETTE SEMPLICI E VELOCI PER PIATTI GUSTOSI E SALUTARI

La ricetta di oggi è davvero di facile preparazione. Prendete una cipolla e spennellatela con olio extravergine di oliva. Con un coltello incidetela al centro e aggiungete sale e pepe a piacimento (senza però esagerare!). Avvolgetela con della carta forno e fatela cuocere in forno per circa 15-20 minuti ad una temperatura di 160°. Una volta intiepidita, farcitela con lo StraChicco, conditela con del buon olio di oliva unito a un po’ di salsa di soia. Buon appetito!!!
Guardiamo insieme le proprietà benefiche dei due principali ingredienti. La cipolla è uno degli alimenti più preziosi perchè è un potente anti infiammatorio grazie ai flavonoidi e sali di potassio. Ha un consistente valore nutritivo per la presenza di minerali e vitamine. Contiene anche molti fermenti che aiutano la digestione e stimolano il metabolismo. E’ ricca di zolfo, ferro, potassio, magnesio, fluoro, calcio, manganese, fosforo e glucochinina (un ormone vegetale con azione antidiabetica). Lo StraChicco è un prodotto vegetale fresco e non contiene né conservanti né coloranti. È adatto a chiunque grandi e bambini e a chi è intollerante a latte, lattosio, glutine e alla soia. Per la sua naturale consistenza morbida è consigliato a chi ha problemi di masticazione. Si tratta di un prodotto ottenuto dalla germogliazione del riso il quale apporta integralmente i suoi importanti nutrimenti quali fibre e numerosi amminoacidi.

I SEGRETI DELL'ALIMENTAZIONE

Sale? No grazie, usa le spezie!

E’ dimostrato scientificamente che un consumo eccessivo di sale può favorire l’ipertensione arteriosa. Si tratta della condizione che si verifica quando il nostro cuore pompa sangue in circolo nell’organismo con una forza eccessiva. Si esercita così sulle pareti dei vasi sanguigni e sui tessuti degli organi una pressione superiore ai valori di riferimento. Può essere molto pericolosa, soprattutto se viene trascurata. Si calcola che in Italia colpisce mediamente il 33% degli uomini e il 28% delle donne, di età compresa tra i 35 e i 75 anni. Ma non solo, elevati apporti di sodio aumentano il rischio di insorgenza di alcune malattie cardiovascolari e renali, di tumori dello stomaco e di osteoporosi.

La World Action on Salt and Health (Wash) ha calcolato che se si riducesse il consumo di sale nel mondo da 10 a 5 grammi al giorno, si avrebbe una riduzione del 23% del rischio di ictus e si potrebbero così evitare 1,2 milioni di morti. Inoltre potremmo risparmiare il 17% delle patologie cardiovascolari: pari a 3 milioni di morti.

Ma non dobbiamo tuttavia demonizzare il sodio: il nostro organismo ha bisogno di questo elemento, un adulto ne possiede circa 100 grammi. In condizioni normali ne elimina giornalmente da 0,1 a 0,6 grammi, quantità che va reintegrata con la dieta. Non è necessaria, tuttavia, l’aggiunta di sale ai cibi. Il sodio in natura è già contenuto in molti alimenti (verdura, carne, pesce, latte, frutta).

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda come misura di prevenzione una riduzione del consumo a meno di cinque grammi al giorno (solo un panino ne contiene 1 grammo). Nessun problema, il palato si adatta con facilità. In pochi mesi, o addirittura settimane, gli stessi cibi appariranno saporiti al punto giusto, mentre sembreranno troppo salati quelli conditi nel modo precedente. Le spezie e le erbe aromatiche, quindi, possono essere un ottimo alleato per conferire aromi e sapori.

LO SAPEVI CHE...

L'Italia è ai primi posti in Europa per eccesso di peso infantile?

Il 20,9% di bambini del nostro Paese è in sovrappeso e il 9,8% addirittura obeso. L’8% salta la prima colazione e il 31% consuma un primo pasto della giornata in maniera troppo ricco di carboidrati e proteine. “Quella che ormai viene definita epidemia ‘obesità’ – sottolinea il dott. Giampietro Chiamenti, Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) – non può non vederci coinvolti in prima persona. Per giocare questo importante ruolo è necessario che tutti i Pediatri di Famiglia perfezionino le loro conoscenze specifiche dell’eccesso ponderale e delle sue complicanze. Per arrivare ad un concreto approccio pratico e di cambiamento delle errate abitudini alimentari abbiamo lanciato uno studio osservazionale che ci permetterà di tracciare lo stato dell’arte ed attivare le azioni correttive per permettere ai nostri bambini/famiglie di adottare stili di vita e nutrizionali più salutari”.

ATTIVITA' FISICA

Al lavoro? Andateci in bicicletta...con le "5 regole d'oro" della strada!

La bicicletta è il mezzo di trasporto perfetto: rapido, a costo praticamente zero, ecologico. Inoltre, mentre siete in sella, fate del bene alla vostra linea: un’ora di pedalata a velocità moderata brucia circa 280 kcal. Tuttavia può nascondere qualche piccola insidia, spesso per disattenzione da parte del ciclista!
Ecco alcune dritte:
1) Evitate le strade trafficate: non percorrete gli stessi itinerari che fate con l’auto. Utilizzate le piste ciclabili e optate per strade dove il traffico è più lento
2) Rendetevi visibili: molti ciclisti viaggiano senza fanali e catarifrangenti. Luci e catadiottri, invece, sono elementi fondamentali per la sicurezza del ciclista
3) Utilizzate il campanello: a volte ci si sente a disagio a suonare il campanello, ma è meglio provare imbarazzo che essere investiti, no?
4) Guardatevi le spalle: uno specchietto retrovisore può essere utile per tenere sotto controllo il traffico
5) Rispettate le norme: conoscere il codice della strada e la segnaletica è un modo per partecipare alla propria sicurezza.