News

Menopausa: attenzione al rischio cardiovascolare

Roma, 10 dicembre 2018 – Sì è sempre pensato che le malattie del cuore colpissero prevalentemente gli uomini. Falso! Fino ai 50 anni, le donne sono tutelate dagli estrogeni che esercitano un effetto positivo sul colesterolo “buono” (HDL), riducono quello “cattivo” (LDL) e mantengono una buona vasodilatazione. Ma, dopo la menopausa, la proporzione pian piano si inverte e le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte femminile. La prevenzione è possibile! Oltre a interrompere il vizio del fumo, è opportuno seguire un’alimentazione sana e varia (regolare consumo di pesce, limitato apporto di grassi di origine animale, tanta verdura, frutta e legumi) che aiuta a mantenere a un livello favorevole la colesterolemia e la pressione arteriosa. È fondamentale svolgere attività fisica perché rafforza il cuore e migliora la circolazione e l’ossigenazione del sangue. È sufficiente camminare per un minimo di 30 minuti al giorno e, se possibile, salire le scale a piedi. Il peso è strettamente collegato al tipo di alimentazione e all’attività fisica svolta: il giusto peso deriva dal giusto equilibrio tra le calorie introdotte con l’alimentazione e quelle spese con l’attività fisica.